Remo Bavieri - LeoB

Vai ai contenuti

Menu principale:

Remo Bavieri

storie e racconti
( 1927/2004 )
Ho una certa età e non vado in cerca di plausi o consensi gratificanti; certi sogni se ne sono andati da qualche tempo. Possibilmente, leggetemi con semplicità e tanta pazienza, anche se molte cose non le condividete. Siate buoni, non ho usato finzioni, sono palpiti di vita umana, nel bene e nel male, perchè questa è la nostra mescola. Leggetemi come fosse un diario, m'accontento del piacere di potermi esprimere, alla buona, col cuore in mano. Parlo di gente semplice e grande al tempo stesso; di fatti accaduti, che sono o che sarebbero; cose di vita raccontate davanti al camino acceso nel freddo d'un nostro inverno. Nella vita gli avvenimenti non hanno stagioni ed il camino sa raccontare anche in quest'epoca.
Non accreditatemi qualificazioni politiche o religiose, ne sarei mortificato; ciò che importa è portare rispetto al prossimo, alla natura, alla vita.
Suonano strani simili concetti in un'epoca subdola, contorta e sfregiata. Guardate dritto senza timori e pregiudizi, tendete la mano aperta e dite a chiunque: "Salve amico!".
Remo Bavieri
Alcune poesie tratte dal libro "Squarci di luna"
Indifferente

Non era un uomo cattivo.

Non aveva mai fatto del male a nessuno.
Non aveva mai fatto del bene ad alcuno.

Un uomo che badava a se stesso,
diceva la gente di lui, come un elogio.

Io vi dico: indifferente!
Proprio indifferente,
come ora nella tomba.
Un giorno in più

Gli occhi miei sono stati spenti,
l'anima mia è malata,
come i miei pensieri.

Ma, se ritroverò la tavolozza vivrò,
un giorno in più.

E il mio giorno sarà lungo,
e l'orizzonte brillerà di mille colori
e i colori scivoleranno sulla tela ritrovata.


Nel bidone

Sono passato per la via, stamattina presto.
Nel bidone dell'immondizia c'era un pollo,
carne e pane in un sacchetto.
Dio, perdonaci di simile affronto.
C'è pure l'incoscienza, in quel bidone,
di chi ha gettato tutta quella roba.
Passerà la macchina a triturare tutto,
anche la coscienza;
e la poltiglia andrà giù,
nella fogna della nostra indifferenza.
Quel tempo

Quando transitano le auto rombanti,
chiudo gli occhi e sogno il tempo in cui,
lento e ritmato,
sentivo lo zoccolo pesante del cavallo da tiro, passare!
Vecchio

Quando il passo si fa incerto,
quando la solitudine ti fa paura,
quando le rughe segnano il tempo,
allora accendi la luce,
per non sentirti ingoiare
dal freddo del buio.
Il nemico

Quello è il tuo nemico.
Mi venne incontro e buttò il fucile.

Così io pure feci.
Ci abbracciammo.

Fummo fucilati con disonore.
Il ricavato della vendita del libro sarà interamente devoluto a progetti d'aiuto all'infanzia

Per contribuire puoi contattare
Il Resto del Carlino - VENERDI' 11 DICEMBRE 2009
I contenuti presenti sul sito "www.leob.it" non possono essere riprodotti e/o copiati in qualsiasi modo e su qualsiasi media, neanche parzialmente, senza la preventiva autorizzazione dei legittimi proprietari dei diritti d’autore, riproduzione o sfruttamento, indipendentemente dalle finalità di lucro.
L’autorizzazione va chiesta per iscritto via posta elettronica e si ritiene accettata soltanto con un preciso assenso scritto del proprietario dei diritti d’autore/riproduzione/sfruttamento. Una eventuale mancata risposta alla richiesta non dà luogo ad alcuna autorizzazione.
Alle violazioni si applicano le sanzioni previste dalla vigente normativa in materia di tutela dei diritti d’autore.
Torna ai contenuti | Torna al menu